Tag: Pesto

Bruschette con salsiccia di Bra e pesto di finocchietto

Bruschette con salsiccia di Bra e pesto di finocchietto

Per la ricetta delle bruschette con salsiccia di Bra e pesto di finocchietto, frullate con il mixer a immersione il finocchietto con le mandorle, i capperi, un pezzetto di aglio sbucciato e 100 g di olio, fino a ottenere un pesto.
Abbrustolite leggermente le fette di pane. Spalmatele con il pesto, quindi sbriciolatevi sopra la salsiccia di Bra.
Completate con il sedano tagliato a fettine, foglie di finocchietto e scorza di cedro grattugiata.

» Pasta fredda con frittata e pesto

Misya.info

Innanzitutto, se non lo avete già pronto, preparate il pesto.
Preparate la frittata: sbattete le uova con un po’ di sale, incorporate il grana e metà della rucola, versatela in uno stampo da 20×20 cm rivestito di carta forno e cuocete per circa 20 minuti a 200°C, in forno ventilato già caldo (in alternativa potete cuocerla normalmente in padella con un filino d’olio, girandola a metà cottura).

Nel frattempo mettete a bollire una pentola di acqua salata, cuocete la pasta, scolatela al dente e conditela con un filo d’olio.
Lasciate raffreddare pasta e frittata e intanto preparate gli altri ingredienti: lavate e tagliate i pomodorini, tagliate a cubetti la provola, predisponete la rucola restante.

Quando pasta e frittata saranno almeno tiepide (meglio ancora se fredde), tagliate quest’ultima a quadrotti e unite tutti gli ingredienti insieme, compreso il pesto, infine aggiustate di sale.

La pasta fredda con frittata e pesto è pronta: potete servirla subito, o tenerla almeno 30 minuti in frigo.

Ricetta Testaroli al pesto per tutti

Ricetta Testaroli al pesto per tutti
  • 180 g farina 00
  • 80 g farina di grano saraceno
  • 80 g farina di riso
  • 60 g pinoli
  • 60 g basilico verde sfogliato
  • 40 g amido di riso
  • 30 g noci macadamia
  • uno spicchio di aglio
  • formaggio grattugiato
  • basilico rosso
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine di oliva

Per la ricetta dei testaroli al pesto per tutti, tostate in una padella le noci macadamia spezzettate grossolanamente e, in un’altra padella, i pinoli. Frullate il basilico verde, lo spicchio di aglio sbucciato e tagliato a pezzi, 30 g di pinoli tostati, 80 g di olio e un cucchiaio di formaggio grattugiato. Regolate di sale e di pepe.
Per i testaroli: mescolate con una frusta la farina 00 con 350 g di acqua e una presa di sale, finché non otterrete un composto fluido e omogeneo. Fatelo riposare coperto per un’ora. Ungete bene una padella in ghisa (diametro 24 cm), scaldatela, quindi distribuitevi un paio di mestoli di composto. Cuocetelo per 3 minuti, quindi giratelo dalla parte opposta con l’aiuto
di una paletta e proseguite la cottura per un altro minuto. Ripetete l’operazione fino all’esaurimento del composto.
Per i testaroli senza glutine: Mescolate la farina di grano saraceno, la farina di riso, l’amido di riso, una presa di sale e 350 g di acqua, finché non otterrete un impasto omogeneo. Lasciatelo riposare coperto per 1 ora. Procedete come spiegato sopra per la realizzazione dei testaroli tradizionali. Tagliate i testaroli a losanghe di circa 5 cm. Portate a bollore una pentola di acqua salata, spegnete la fiamma e immergetevi i testaroli per 1-2 minuti. Condite i testaroli con il pesto, distribuiteli nei piatti, guarnite con le noci macadamia, i pinoli rimasti e foglioline di basilico rosso.

Proudly powered by WordPress