Tag: ricette dolci facili e veloci

Sfogliatine cuor di mela – Ricetta di Misya

Sfogliatine cuor di mela - Ricetta di Misya

Innanzitutto mondate le mele e grattugiatele (va benissimo una grattugia a fori larghi), quindi uniteci zucchero e cannella.

Con un coppapasta da circa 8-10 cm create le vostre basi di sfoglia (in alternativa, tagliate semplicemente la sfoglia in rettangoli).

Prendete 1 formina per volta, mettete un po’ di ripieno solo su metà, lasciando i bordi liberi, richiudete la metà vuota sulla farcitura e sigillate i bordi.
Man mano che sono pronti, disponete i dolcetti sulla teglia rivestita di carta forno, un po’ distanti tra loro.

Infine spennellatele con poco latte, incidete 2-3 tagli con la lama di un coltello, aggiungete un po’ di zucchero se le volete caramellare e cuocete per circa 10-15 minuti o fino a doratura (le mie hanno cotto per circa 12 minuti) a 180°C, in forno ventilato già caldo.

Le sfogliatine cuor di mela sono pronte, lasciatele almeno intiepidire prima di assaggiarle.

Brunello Cucinelli: «Ecco il mio vino, omaggio alla Terra»

La Cucina Italiana

Rosso del Castello di SolomeoNicola Milletti

La serata: bruschette all’olio nuovo e paccheri firmati Fratelli Cerea

Ad accompagnare il vino, una serie di prodotti umbri e un menu (firmato da Da Vittorio) all’insegna della genuinità. Ecco che in tavola sono arrivate le bruschette di pane toscano condite con l’olio nuovo di Solomeo, che da qualche anno è anche una fiorente tenuta agricola sorta in torno al borgo che conta anche una mensa ispirata a quella dei frati del Convento di Norcia, amici dell’imprenditore. Non sono mancati formaggi e salumi locali e lo chef Chicco Cerea che mantecava i paccheri in diretta con con olio nuovo versato a filo sulla celebre e vellutata salsa ai tre pomodori del tristellato bergamasco.  

A unirsi nella «spadellata» lo stesso Brunello Cucinelli e l’amico Gianluca Vacchi, in una scherzosa brigata di cucina.

MILAN, ITALY – NOVEMBER 09: A general view during the Brunello Cucinelli dinner on November 09, 2022 in Milan, Italy. (Photo by Jacopo M. Raule/Getty Images for Brunello Cucinelli)Jacopo M. Raule/Getty Images

Il vino «del castello» e le vigne «a onda»

Cucinelli ha  condiviso il percorso che ha portato alla nascita del vino denominato “Castello di Solomeo”, l’enologo di fama internazionale Riccardo Cotarella è stato amabile consigliere di Brunello Cucinelli. 

«Sono nato in una famiglia contadina, e ho imparato ad amare la Terra madre fin dalla mia infanzia, quando giocavo insieme ai miei fratelli e ai cugini nei campi, e poi da adolescente, guidando l’aratro con i buoi ben diritti nei solchi, lodato per questo da mio padre, che in tale ordine vedeva la bellezza» ha ricordato l’imprenditore. 

Proudly powered by WordPress