Tag: ricette dolci torte

Ricette salate con le arance

Ricette salate con le arance

Come usare le arance nei piatti salati? Ecco le ricette più buone per profumare di agrumi primi, secondi e insalate

In inverno le arance colorano la nostra cucina con dolcezza ed eccezionali proprietà benefiche per la salute. Al naturale o in una spremuta sono le più classiche maniere di consumo, ma ci sono tante altre possibilità per fare il pieno di vitamine. E non stiamo parlando dei consueti utilizzi nei dessert: un tocco di arancia può trasformare piacevolmente anche i piatti salati, primi e secondi così come le insalate. In che modo?

Nella gallery in alto troverete tante ricette salate con le arance facili e sfiziose, mentre qui sotto i consigli per iniziare a sperimentare.

Come usare le arance nelle ricette salate: il succo

Il succo di arancia è un ingrediente prezioso per tutto il menù.
Molto semplicemente si può utilizzare come citronette, mescolando insieme il succo di arancia, l’olio extravergine di oliva, il sale e il pepe. Ideale per condire le insalate e le verdure in generale.

Il succo di arancia può tornare utile anche per marinare carne e pesce prima della cottura.
La marinatura è una tecnica che permette di conferire agli ingredienti aromi e morbidezza. Provateci con il pollo o con il salmone, lasciando insaporire per almeno 4 ore nel succo d’arancia insieme alle erbe e alle spezie più adatte al vostro gusto.

Utilizzare il succo d’arancia in fase di cottura può inoltre rendere più gustosi gli ingredienti, glassandoli, come nel caso delle scaloppine di maiale all’arancia o dell’anatra all’arancia.

Come usare le arance nelle ricette salate: la scorza

Per dare una nota agrumata alle preparazioni è sufficiente utilizzare la buccia d’arancia.
Innanzitutto, è importante scegliere sempre arance biologiche, coltivate senza l’uso di sostanze chimiche e quindi dalla buccia edibile.

L’arancia dovrà essere grattugiata facendo attenzione ad usare solo la parte arancione, poiché la parte bianca è più amara. Usatela nella mantecatura dei risotti o direttamente sulla pasta a fine cottura: vi conquisterà persino sugli spaghetti al pomodoro.

La scorza resta un ingrediente validissimo anche all’interno di impasti, come quello delle focaccine, oppure per aromatizzare mousse e creme salate.

Come usare le arance nelle ricette salate: a fette

Dopo aver imparato a pelare a vivo le arance (qui il video tutorial), non resisterete alla tentazione di aggiungerne qualche spicchio alle vostre insalate. Il risultato è sorprendente, grazie al contrasto fra la dolcezza dell’agrume e la sapidità degli altri ingredienti.

La coppia cult è sicuramente quella arancia-finocchio, ma basta un po’ di creatività per provare ogni volta nuove sensazioni di gusto. Ad esempio, abbinate le arance con il radicchio, le olive, le cipolle o il tonno per stuzzicare il palato.

Trovate tante altre idee nella gallery in alto

» Fusilli con crema di ricotta e barbabietola

Misya.info

I fusilli con crema di ricotta e barbabietola sono un piatto non solo buono da mangiare, ma anche troppo carino da guardare. Questo piatto è infatti anche detto pink pasta a causa del suo colore, in quanto viene condito con una semplicissima crema di ricotta (che potete anche sostituire con philadelphia o un altro formaggio spalmabile) e barbabietola: semplicissima, sì, ma molto scenografica proprio per via del colore rosa. Un piatto super misyano, insomma 😉
PS: volendo potete completare il piatto con un po’ di maggiorana fresca, come ho fatto io, ma vanno bene anche timo o basilico; potete invece aggiungere del parmigiano per intensificare un po’ il gusto della crema, se volete 😉

Una ricetta facile per fare le pizza in casa

Una ricetta facile per fare le pizza in casa

Uno dei piatti più amati dagli italiani si può preparare in casa senza troppa fatica. Ecco come

Se avete voglia di pizza, ma non di chiamare una pizzeria d’asporto, c’è una soluzione a cui forse non avevate mai pensato prima. Esiste infatti una ricetta facile della pizza, con cui si può ottenere un risultato gustoso pur non essendo esperti pizzaioli: basta lasciare da parte la pigrizia, rimboccarsi le maniche e mettersi all’opera.

La ricetta facile della pizza: l’impasto

Partite dall’occorrente per realizzare una semplice margherita: solo per la pasta servono 500 grammi di farina bianca, 250 millilitri di acqua, 15 grammi di lievito di birra, 20 grammi di olio, 10 grammi di sale. Per il condimento, invece, dovete avere a disposizione 500 grammi di pelati, una mozzarella e un po’ di origano. Cominciate facendo sciogliere il lievito in un po’ di acqua a temperatura ambiente, l’ideale sarebbe a 25 gradi. Disponete su una spianatoia la farina a fontana, oppure versatela in un recipiente. Unite l’acqua poco alla volta, cercando di amalgamare bene e in modo graduale gli ingredienti. Dopo che avrete versato la metà del liquido, aggiungete anche il sale, che non deve entrare in contatto diretto con il lievito, onde evitare che ne neutralizzi l’azione. Versate anche l’ultima parte di acqua, sempre gradualmente, e impastate fino a ottenere un composto omogeneo. Ora è il momento dell’olio, anche questo da aggiungere poco alla volta. Lavorate l’impasto ancora per qualche minuto, senza tirare la pasta ma ripiegandola su se stessa.

Pizza facile

Ancora due passaggi: lievitazione e cottura

Una volta ottenuto un panetto morbido e liscio, trasferitelo in un recipiente, copritelo con un canovaccio o con della pellicola e fatelo lievitare per circa un’ora e mezza. L’importante è che il processo di lievitazione avvenga a una temperatura intorno ai 26-28 gradi. Per questo potete mettere la ciotola nel forno spento ma con la luce accesa. Quando la pasta sarà bella gonfia e morbida, estraetela dal recipiente, trasferitela sul piano di lavoro e dividetela in due parti uguali. Per stenderla non usate il matterello ma le mani, facendo “pirlare” l’impasto, ovvero schiacciarlo in modo da portarlo verso di voi e poi allontanandolo. Ripetete questa operazione quattro o cinque volte, poi formate due sfere e lasciatele riposare per un’altra mezz’ora. A questo punto la pasta sarà pronta per essere tirata e condita a piacimento. La pizza va cotta in forno caldo a 220 gradi per 20 minuti circa. Il trucco per una margherita con i fiocchi? Aggiungere la mozzarella a metà cottura.

Le ricette per i più esperti

Proudly powered by WordPress