Tag: siti per ricette di cucina

Frutta e verdura a domicilio: dove ordinare su Milano e dintorni

Frutta e verdura a domicilio: dove ordinare su Milano e dintorni

Ci si sono messi in tanti, dai big del settore come Amazon al fruttivendolo sotto casa o, meglio, alle cascine vicine alla città. A Milano ci sono realtà a conduzione familiare, cooperative sociali e mercati di quartiere, tutti ne hanno fatto un servizio ormai di routine. Riders che sfrecciano a tutta velocità e “alveari” di raccolta: dal campo alla tavola, la frutta e verdura fresche arrivano da noi in poche ore.

I servizi di delivery, da Amazon ai nuovi arrivati

Cortilia esiste dal 2012 (nata come mercato agricolo online con produttori a filiera corta), Amazon Fresh dal 2021 a Milano consegna entro 2 ore, mentre Macai, Getir e Gorillas (app che garantiscono consegne flash di 10-30 minuti, tramite rider per lo più) si sono affermati negli ultimi anni, e Deliveroo o Glovo hanno introdotto oltre ai ristoranti anche la consegna della spesa di diversi supermercati.

Da globale a locale

Secondo il focus sui consumi domestici di ortofrutta dell’osservatorio The world after lockdown di Nomisma e Crif, un italiano su due ha modificato i propri acquisti durante la pandemia, registrando +20,4% a valore per la frutta e +13,4% per la verdura. Questo 2022 avrebbe dovuto essere l’anno della conferma del trend e dei volumi in crescita, ma la situazione sociopolitica attuale ha purtroppo congelato l’entusiasmo. In questi primi mesi i costi di produzione per il reparto ortofrutta sono lievitati e il calo drastico degli acquisti si è avvertito soprattutto nella grande distribuzione (-5% in volume per la frutta e -10% per la verdura. “Corriere dell’Economia”, marzo 2022). Anche il delivery ha frenato e cambiato volto: teniamo sotto controllo il portafoglio e ordiniamo da realtà conosciute e di prossimità. Da dove arriva la nostra spesa? Chi l’ha portata? Sono domande che contano e che ci facciamo sempre di più.

Stagionalità e prossimità: la catena del valore

Noi italiani prediligiamo il bio, soprattutto arance, banane e mele. Gli intrusi esotici ci piacciono sempre meno; preferiamo che l’avocado venga dalla Sicilia e non dal Messico o dall’Africa, le fragole meglio se della Basilicata piuttosto che dalla Spagna. La frutta e la verdura non sono solo un prodotto, sono tutto quello che le genera: campi, agricoltori, biodinamica, rese ed eventi atmosferici. A questi valori oggi diamo un peso. Alcuni esempi? Babaco Market, il delivery 100% made in Italy di frutta e verdura, ha salvato dallo spreco 140 tonnellate di prodotti con imperfezioni estetiche in un solo anno (“ilSole24Ore”, 2022). L’Alveare che dice Sì!, invece, crea tanti piccoli gruppi di conferimento (gli alveari appunto), dando visibilità ai produttori del proprio quartiere. ZeroPerCento ci porta la spesa bio in 48 ore e dà lavoro a persone diversamente abili. Facciamo la spesa così: facile, fresca e, se possibile, anche etica.

Anna in Casa: ricette e non solo: Biscotti brownies di Natascha

Anna in Casa: ricette e non solo: Biscotti brownies di Natascha

Attenzione alla dipendenza: questi non sono normali biscotti al cioccolato ma sono dei “biscotti che si credono dei brownies super cioccolatosi”. Non servono indicazioni per la conservazione, appena raffreddati non riescono a raggiungere la scatola, già è tanto se sono riuscita a fare lo scatto di presentazione… E poi sono senza lattosio.

.

La ricetta di oggi, leggermente variata ma solo nella quantità e nel tipo di zucchero, è della brava e simpatica Natascha 

Ingredienti

120 g di gocce di cioccolato

           o cioccolato fondente tritato

120 g di zucchero di canna

            o semolato

50 ml di olio di semi di girasole

80 ml di acqua

30 g di cacao amaro in polvere

130 g di farina 00

1 cucchiaino di lievito per dolci pizzichino di sale

Procedimento

Scaldare il forno a 18° C. E foderare una leccarda con carta forno.

Setacciare insieme la farina, il cacaoil lievito. Aggiungere un pizzichino di sale.

In una ciotola sciogliere il cioccolato con l’olio, io nel microonde ma potete farlo anche a bagnomaria, e mettere da parte ad intiepidire.

In un’altra ciotola sciogliere nell’acqua lo zucchero, io sempre al microonde e mettere anche questo da parte ad intiepidire.

A questo punto versare l’acqua zuccherata sul cioccolato sciolto e mescolare.

Unire in due volte al composto gli ingredienti secchi prima setacciati, mescolando fino ad ottenere una crema soffice, senza grumi ed omogenea, non preoccupatevi se risulta leggermente morbida.

Con due cucchiai formare dei mucchietti grossi un po’ più di una noce, distanziandoli fra di loro.

Infornare e cuocere per 10 minuti circa o comunque fino a che si crepano in superficie. Una volta cotti sfornare e lasciate raffreddare direttamente nella leccarda.

Proudly powered by WordPress