Tag: siti ricette

Ricetta Risotto con porcini e nepitella

Ricetta Risotto con porcini e nepitella
  • 1 L brodo di funghi
  • 10 funghi porcini
  • 350 g riso Carnaroli
  • 200 g Parmigiano Reggiano Dop
  • 2 rametti di nepitella
  • una cipolla
  • vino bianco secco
  • burro
  • olio extravergine di oliva

Per la ricetta del risotto con porcini e nepitella, tritate finemente la cipolla e fatela stufare in una casseruola con una noce di burro finché non diventa morbida. Unite il riso e tostatelo per qualche minuto, aggiungendo un’altra noce di burro. Sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco, quindi cominciate a bagnare con il brodo di funghi bollente, versandone un mestolo alla volta, mescolando continuamente, per circa 15-18 minuti.
Pulite e tagliate a tocchetti i porcini e cuoceteli in una padella con poco olio, tenendo da parte 4 cappelle. Fate dorare leggermente i funghi per 2-3 minuti, sfumateli con uno spruzzo di vino, quindi unite 2 noci di burro e abbassate la fiamma. Aggiungete un paio di cucchiai di brodo e finite la cottura in 3-4 minuti. Tagliate a lamelle le 4 cappelle tenute da parte e rosolatele separatamente. Unite i funghi brasati e le foglioline di nepitella 5 minuti prima della fine della cottura del risotto. Mantecatelo con una noce di burro e il parmigiano e servitelo completando con le cappelle affettate.

Ricerche frequenti:

» Pizzette di scarole – Ricetta Pizzette di scarole di Misya

Pizzette di scarole

Iniziate preparando la pasta per le pizze: mettete la farina a fontana in una ciotola, aggiungete al centro lo zucchero e il lievito spezzettato e iniziate a scioglierli con un po’ di acqua leggermente tiepida presa dal totale.
Unite anche il sale, l’olio e l’acqua rimanente e impastate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Coprite la ciotola con un panno pulito, mettetela in un posto riparato e fate lievitare almeno fino al raddoppio, ci vorranno circa 2 ore.

Nel frattempo preparate il ripieno: mondate e lavate la scarola e fatela appassire lessandola brevemente.

 

Fate soffriggere l’aglio intero con le acciughe sminuzzate e, quando queste si saranno sciolte, aggiungete la scarola ben scolata, i capperi dissalati e le olive denocciolate (io ho usato quelle verdi, ma c’è chi preferisce usare quelle nere), aggiustate di sale e fate insaporire, facendo evaporare eventuale acqua rilasciata dalla verdura. Infine eliminate l’aglio e fate raffreddare.

Riprendete l’impasto lievitato, sgonfiatelo e dividetelo in 12 che stenderete con le mani sul piano di lavoro infarinato.

Farcite ogni panetto con il ripieno di scarola, quindi piegate a mezzaluna e sigillate bene i bordi con i rebbi di una forchetta formando dei calzoncini.

Friggete i calzoncini di scarole in olio di semi ben caldo, rigirandoli spesso per una doratura uniforme. Sollevatele con una schiumaiola e fate raffreddare su un piatto ricoperto di carta assorbente

Le vostre pizzette di scarole sono pronte: servitele subito.

TAGS: Ricetta Pizzette di scarole | Come preparare Pizzette di scarole | Pizzette di scarole ricetta 

Anna in Casa: ricette e non solo: Croccante di mandorle Annaincasa

Anna in Casa: ricette e non solo: Croccante di mandorle Annaincasa

Leggo ovunque dello stress di questi giorni per la preparazione della cena della vigilia e del pranzo di Natale. E’ una corsa contro il tempo per proporre vecchie e nuove ricette, per fare bella figura e magari stupire.
Come tutti anche io subisco l’influenza del periodo e passo ore in cucina a preparare in anticipo tutto ciò che è possibile. Di pandori e panettoni ne ho fatti abbastanza, mi mancano solo quelli gastronomici a cui mi dedicherò domenica, quindi mi sto portando avanti con la piccola pasticceria.
Ieri mattina è toccato al croccante e alle mandorle pralinate, visto che i miei ospiti si aspettano sempre di trovarne una buona quantità a fine pasto.
Questa ricetta è davvero semplicissima, la preparo dal primo Natale da sposina, da ormai quasi 30 anni.

Ingredienti

500 g di mandorle intere con o senza buccia a piacere
500 g di zucchero semolato
20 ml di succo di limone (facoltativo)

Preparazione

Prima di iniziare, preparare due fogli di carta forno unti con olio di semi o di riso (giusto un leggero strato); il compito sarà più facile se verserete l’olio su un foglio, coprirete con l’altro foglio e con le mani farete in modo che l’olio si attacchi ad entrambi i fogli.

Accendere il forno a 180°C e foderare una teglia con carta forno. Stendere le mandorle in un solo strato e quando il forno ha raggiunto la temperatura, infornare per 5 minuti.
Intanto una padella antiaderente abbastanza capiente iniziare a sciogliere a fiamma bassa lo zucchero con il limone, avendo cura di non far bruciare lo zucchero in modo che non diventi amaro.
Appena lo zucchero è completamente sciolto e ha raggiunto un colore ambrato, aggiungere in un colpo solo le mandorle ancora calde. Mescolare bene in modo che lo zucchero abbracci bene la frutta secca. Fate attenzione alla temperatura eventualmente abbassate la fiamma.

Una volte che le mandorle sono ben ricoperte, versare sulla carta forno, coprire con l’altro foglio di carta forno unto e uniformare in uno strato unico ed omogeneo.
Una volta che lo zucchero si è cristallizzato, con un coltello a lama liscia, tagliate il croccante a strisce larghe circa tre dita e poi a quadretti o a triangoli.
Potete conservare il croccante freddo in una scatola di latta alternando i pezzi con carta forno.

Proudly powered by WordPress