Tag: Torta Al Cioccolato

Torta alle albicocche in padella

Torta alle albicocche in padella

Lavate le albicocche, dividetele a metà ed eliminate il seme centrale.

Montate le uova con lo zucchero per almeno 10 minuti, fino ad ottenere un composto molto chiaro e spumoso.

Unite poco per volta farina e lievito setacciati, sempre lavorando con le fruste.

Infine aggiungete anche il latte a filo e la vaniglia.

Imburrate la padella e cospargetela con 2-3 cucchiai di zucchero, quindi iniziate a scaldarla a fiamma bassa.

Quando lo zucchero inizia a sciogliersi disponeteci sopra le albicocche, con la parte tagliata verso il basso.
Versateci sopra l’impasto, coperite con coperchio e cuocete per 10 minuti, a fiamma molto bassa.

Con un po’ di cautela, quando il composto si sarà rappreso staccatelo con una spatola, fatelo scivolare su di un piatto o coperchio e rovesciatelo nuovamente nella padella, con le albicocche in alto, continuando a cuocere per altri 10 minuti circa.

La torta alle albicocche in padella è pronta, non vi resta che farla intiepidire, decorarla con un po’ di zucchero a velo e servirla.

Pesce e vino rosso: 10 abbinamenti per sfatare il tabù

Pesce e vino rosso: 10 abbinamenti per sfatare il tabù

Sono ormai lontani i tempi in cui abbinare il pesce e il vino rosso era considerato un tabù, un insulto alla gastronomia. Il trend è cambiato – assieme ai gusti e alle abitudini – anche grazie a una maggiore conoscenza del vino e delle sue sfaccettature nel corso degli anni. Se una volta esisteva solamente il vino rosso e il vino bianco, oggi sappiamo che ci sono migliaia di altre sfumature, varietà di uva e stili di produzione. 

Perché con il pesce si beve (tradizionalmente) il vino bianco?

Il pesce viene spesso considerato come un alimento delicato, dal sapore leggero, che se abbinato con un vino rosso – tradizionalmente associato a caratteristiche “pesanti” – perderebbe tutta la sua raffinatezza. Ci sono alcuni pesci e crostacei che effettivamente verrebbero coperti se serviti crudi in abbinamento con un vino rosso, come ad esempio un carpaccio di ricciola, ma ce ne sono molti altri che invece ne possono godere favorevolmente.  

Secondo alcune fonti, storicamente si è sempre preferito abbinare un vino bianco al pesce perché la maggior quantità di ferro presente nei vini rossi causa un gusto spiacevole a formarsi sul palato, mentre la leggerezza e freschezza di un bianco non lo causerebbe. 

Quale vino rosso bere con il pesce?

Come in ogni abbinamento – non solo di pesce e vino rosso – è importante iniziare interpretando i vari componenti di sapore di ogni piatto e vino, per capire quale connubio scegliere. È imperativo tenere sempre in mente che, come esistono centinaia di preparazioni e varietà di carne, lo stesso vale per il pesce. Non si abbinerebbe mai lo stesso vino per un piatto di scaloppine al Marsala e una bistecca alla fiorentina, quindi serve adoperare il concetto che una zuppa di vongole non possa essere abbinata allo stesso vino che si sceglie per un piatto di sushi. 

Con una buona frittura mista o di calamari, il vino ideale da abbinare è uno che abbia la capacità di sgrassare e pulire il palato, prediligendo quindi vini acidi e alcolici, come uno spumante o un bianco secco. Mentre se si parla di pesce magro come il pesce spada, l’orata e in generale i pesci azzurri, si abbinano alla perfezione con vini rossi secchi come un Sangiovese. 

Il Pinot Nero è un’ottimo vitigno da abbinare al pesce, dalle ostriche alla zuppa di pesce – come il cacciucco livornese o la bouillabaisse Francese – soprattutto se prodotto in Alto Adige o altre zone montuose, poiché le sue caratteristiche di freschezza, tannini poco forti e profumo di piccoli frutti si abbina benissimo con i sapori speziati delle zuppe

In Piemonte abbinare il pesce al vino rosso è una tradizione antica, in particolare il merluzzo (al vapore, al forno, mantecato, a tartare) con un Barbera giovane affinato in acciaio, che ha quindi mantenuto le caratteristiche di fiori e frutti rossi. 

Un vino rosso corposo e ben strutturato, come il Chianti Classico o il Cannonau sardo, si abbinano meravigliosamente con pietanze di pesce condite con aglio, pomodori, peperoncino, capperi e altri ingredienti dagli aromi importanti, ad esempio i gamberoni in crosta di arachidi con melanzane.

10 ricette per abbinare il pesce al vino rosso

Estate: 25 ricette per una pasta

La Cucina Italiana

Estate, dolce far niente. Se siete in vacanza e avete poca voglia di stare ai fornelli (un po’ per il caldo, un po’ per pigrizia), ma vi tocca comunque cucinare, affidatevi a una di queste ricette. Sono piatti di pasta perfetti per la stagione che si preparano dai 10 ai 40 minuti come massimo, ma che vi faranno fare un figurone. Ci sono tantissime idee calde, tiepide e pure fredde. Sfogliate la gallery per scoprirle!

Pasta estiva veloce calda o fredda

Che si scelga la versione calda o fredda è indifferente, queste ricette sono pensate per trascorrere il minor tempo possibile in cucina. Non serve rinuncire a gusto e originalità per preparare un pasto veloce. L’importante è sempre scegliere prodotti di stagione e cotture veloci (come una spadellata). Dalle facilissime tagliatelle con pomodorini e burrata alle linguine aglio, olio e peperoni, ecco tante ricette estive con cui sbizzarrirvi e fare un figurone senza passare l’intera giornata in cucina.

25 ricette di pasta veloce

Estate: 25 idee per una pasta calda o fredda

Proudly powered by WordPress