Tag: tutto ricette cucina

50 ricette senza glutine | La Cucina Italiana

La Cucina Italiana

L’intolleranza al glutine è uno dei temi più attuali della nostra tavola. In Italia ci sono circa 170mila casi diagnosticati di celiachia, approssimativamente un soggetto ogni 100. La presenza in famiglia di un soggetto intollerante o addirittura celiaco, porta spesso scompiglio nella cucina di casa, ma con le giuste accortezze, e gli ingredienti off limits ben stampati in testa, affrontare una dieta gluten free non sarà un’impresa impossibile. 

Va specificato che nel caso di intolleranza o celiachia, l’unica dieta che può risolvere il problema è quella gluten free e deve essere seguita rigorosamente e con la supervisione di un nutrizionista (almeno all’inizio), per evitare scompensi e scoprire velocemente nuovi ingredienti naturalmente senza glutine.

Alimenti con glutine

Tra gli alimenti e i derivati contenenti glutine troviamo: grano, farro, segale, orzo, kamut, grano duro, semola, farina integrale, farina bianca, bulgur, germogli di grano, cous cous. Ma non finisce qui perché farina e glutine vengono usati come additivi in numerosi prodotti, come affettati, minestre, salse e sughi, bisogna quindi fare sempre molta attenzione all’etichetta e cercare la famosa Spiga Barrata che certifica l’assenza di glutine.

I principali alimenti vietati nella dieta senza glutine sono quindi pane, pasta, pizza, dolci e birra, ma non disperate, in commercio ci sono ormai ottimi corrispettivi senza glutine capaci di soddisfare la vostra voglia di normalità.

Alimenti senza glutine

Tra i cibi senza glutine possiamo contare su: frutta e verdura, frutta a guscio, carne, pesce, latticini, uova, riso, patate. Oltre a questi anche il grano saraceno è naturalmente privo di glutine e non è un cereale, come spesso si crede, via libera quindi a pasta di grano saraceno e ai buonissimi pizzoccheri. La quinoa è uno pseudocereale caratterizzato dall’alto contenuto proteico e dalla totale assenza di glutine, facile da reperire e cucinare, potete dare vita ad aperitivi, pranzi e cene a base di quinoa. Continuiamo la lista con miglio, amaranto e teff. Il teff è un cereale originario di Etiopia ed Eritrea, dalla macina dei suoi semi si ottiene la farina con cui viene fatto il tradizionale pane di teff, l’injera, piatto tipico della cucina etiope ed eritrea. Questo cereale è ricco di fibre, di calcio e di ferro. L’amaranto è uno pseudocereale, originario del Perù, ricco di proteine, fibre, calcio, fosforo, magnesio e ferro. Trova spazio in cucina sia sotto forma di farina che cotto, come sostitutivo di riso e cuscus. Il miglio infine contiene quasi la stessa quantità di proteine del frumento, ma è privo di glutine, e si presta a numerose preparazioni tra cui polpette, burger e zuppe.

Adesso che sapete quali alimenti consumare lasciatevi ispirare dalla nostra raccolta di ricette senza glutine.

50 ricette gluten free a tutto gusto

Anna in Casa: ricette e non solo: Burger Buns di Lory

Anna in Casa: ricette e non solo: Burger Buns di Lory

Visti, preparati, approvati.

Sono pazzeschi, tutto merito di Lory che ha postato la ricetta e che mi ha subito tentato.

Provare per credere.

.

Ho variato leggermente il procedimento della ricetta e non ho utilizzato i semi di sesamo che non avevo in casa.

Ingredienti

500 g di farina 0

8 g di lievito di birra fresco

50 g di zucchero

1 tuorlo

120 ml di latte a t.a.

120 ml di acqua a t.a.

50 g di burro morbido

9 g di sale

5 g di malto – facoltativo

.

1 uovo 

Procedimento

Nella ciotola della planetaria versare la farina 

e il malto ( se avete scelto di metterlo).

In una ciotola il lievito e lo zucchero

nell’ acqua unita al latte.

Unire la parte liquida alla farina e

mescolare grossolanamente.

Coprire e mettere da parte 

per una decina di minuti.

Trascorso il tempo di riposo,

 iniziare ad impastare fino ad 

avere un impasto omogeneo.

Unire il tuorlo d’uovo e farlo inglobare

 completamente all’impasto.

A completo assorbimento del tuorlo 

aggiungere una parte del burro e il sale.

Aspettare ad unire l’altra parte di burro 

fino a che la precedente no sia stata 

completamente assorbita.

Ottenuto un impasto omogeneo e ben incordato

 trasferirlo sulla spianatoia infarinata.

Lavorare l’impasto e formare un panetto.

Fare ina incisione a croce sulla superficie 

della pasta e metterla in una ciotola, 

coprire con pellicola trasparente e 

porre a lievitare fino al raddoppio 

( io in forno con la luce accesa ).

A lievitazione avvenuta, riprendere l’impasto 

e rovesciarlo sulla spianatoia infarinata.

Dal panetto ricavare tante parti,

otterrete una decina di 

pezzi da circa 90 g l’uno.

Con le mani stendere ogni pezzo e

riportare al centro il bordo

come mostrato nello scatto.

Chiudere a panino, ruotarlo fra le mani 

a dare una dorma tondeggiante e

Adagiare i panini sulla teglia  

precedentemente foderata con 

carta forno, distanziandoli.

Rimettere a lievitare per circa un’oretta, 

coprendoli, io con un’altra teglia da forno.

Scaldare il forno a 200°C.

Spennellare i panini con l’uovo 

sbattuto con il latte.

Infornare e cuocere per 15 minuti circa 

o comunque fino a doratura.

Io li ho conservati in un sacchetto da pane poi infilati in un sacchetto per alimenti (io quello per panettoni ) e si sono mantenuti soffici per tre giorni.

Lo stesso metodo lo utilizzo per congelarli. Per gustarli toglieteli dal congelatore circa un’ora prima.

 

Proudly powered by WordPress