Autore: admin

Ricetta Antipasto di alici marinate all’arancia, la ricetta

Ricetta Antipasto di alici marinate all'arancia, la ricetta

Le alici marinate all’arancia sono un antipasto leggero, fresco e molto gustoso. Si prepara velocemente, ma dovete considerare le ore necessarie per il riposo della marinatura, quindi organizzatevi in anticipo.

Dopo aver pulito le alici dovrete coprirle con succo e scorza d’arancia e olive verdi Belle di Cerignola e lasciare marinare in frigo per tre ore. Una volta trascorso il tempo, le alici vanno scolate e potete servirle con lattughino e radicchio, altre olive, e condire con sale e olio.

Scoprite anche queste ricette per marinare le alici: Acciughe marinate, Alici marinate con verdure, Alici marinate e cipolle agrodolci, Alici marinate con patate, Alici marinate, crema di fave e mela, Acciughe marinate

Allan Bay e l’elogio del mangiare con le mani: intervista

La Cucina Italiana

Giornalista gastronomico, storico, scrittore, Allan Bay ha appena messo nero su bianco in un libro ciò che in molti (se non tutti) pensiamo, ma che spesso non abbiamo il coraggio di dire. Almeno non in pubblico (perciò, figuriamoci di fare!). Ha ricordato che mangiare con le mani è uno dei grandi piaceri della vita, e come e perché dovremmo farlo ogni volta che possiamo, salvo rare e eccezioni che rendono impossibile l’utilizzo del pollice e dell’indice per toccare il cibo, annusarlo e portarlo alla bocca.

Si intitola Elogio del mangiare con le mani (Il Saggiatore): chiaro sin dal titolo, è un colto e divertente viaggio storico e antropologico che sdogana questo gesto così appagante che nei secoli le convenzioni sociali hanno fatto apparire “esotico”. Anzi – diciamolo pure – in certe circostanze un po’ maleducato.

Come scoprirete leggendolo, fino a poco tempo fa le forchette non esistevano nemmeno: sono arrivate sulle tavole della borghesia europea solo nell’800, dopo essere state inventate in Cina. Poi il galateo ha cominciato a dettare le regole limitando a una ristrettissima cerchia i cibi mangiabili senza le posate. Una faccenda, anche questa, rimasta tutta occidentale, considerato che c’è mezzo mondo – con tanti Paesi asiatici e africani a fare da capofila – che delle posate fa spesso e volentieri a meno. Allan Bay racconta anche questo e, per passare dalla teoria alla pratica, suggerisce man mano gustose ricette da «conlemanisti». O meglio, come spiega in questa intervista, «indicazioni», che di certo rendono ancora più piacevole la lettura del suo primo libro «personale».

Intervista a Allan Bay

Perché è un libro “personale”?
«Riguarda una mia passione che pochi dei miei amici, quelli veri, conoscono: mangiare con le mani, appunto. Ho scritto tanti libri, specie ricettari, che in quanto tali di base avevano un’oggettività. Questo libro è diverso proprio perché parla di me».

Cosa rende così piacevole mangiare con le mani?
«Da bambini si scopre il mondo – e quindi anche il cibo – anzitutto con il tatto e con l’olfatto, e questo contatto fisico con ciò che si mangia resta il massimo godimento. Però con il tempo si tende a privarsene perché crescendo insegnano che bisogna usare le posate: ci si rinchiude negli schemi. Lo scopo del libro è uscire fuori da questi schemi e sdoganare, quando possibile, questo grande piacere di mangiare con le mani».

In quanti vorrebbero farlo ma non hanno il coraggio di farlo o anche solo di dirlo?
«Non lo so. So però per certo che diversi dei miei amici amano mangiare con le mani e che in tanti usano le posate anche in casi in cui non ce ne sarebbe bisogno. Penso ad esempio a quanti mangiano la pizza con forchetta e coltello e agli sguardi attoniti dei pizzaioli mentre lo fanno. E poi a Napoli anche gli spaghetti una volta venivano mangiati con le mani: ricorda Totò?»

Pane leopardato – Ricetta di Misya

Pane leopardato

Innanzitutto mescolate in un pentolino sale, zucchero e maizena, quindi incorporate il latte, portate a ebollizione mescolando costantemente e lasciando addensare, poi togliete dal fuoco, incorporate il burro fino a farlo sciogliere del tutto e lasciate riposare per 30 minuti in una ciotola, coperto da pellicola a contatto per non farlo ossidare.


Versate il composto ormai quasi freddo nella ciotola della planetaria, unite la farina e il lievito spezzettato e impastate fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.

Dividete l’impasto a metà, mettete una metà in una ciotola e coprite per lasciarla lievitare; dividete invece l’altro pezzo di impasto nuovamente a metà.

Mescolate 15 gr di cacao con 2 cucchiai di acqua e incorporateli in una delle 2 parti di impasto rimaste, lavorando brevemente.

Mescolate i restanti 5 gr di cacao con il restante cucchiaio di latte e incorporatelo all’ultimo pezzo di impasto.

Avrete ottenuto un impasto più chiaro e uno più scuro, metteteli in ciotole separate, coprite e lasciate lievitare i 3 impasti per almeno 2-3 ore o fino al raddoppio.

Riprendete i 3 impasti e, uno per volta, sgonfiateli con le mani e divideteli in 7 parti uguali: in foto ne vedete solo 2, ma dovete farlo con tutti e 3, ottenendo un totale di 21 palline di impasto.

Partite con una pallina di impasto marrone chiaro e rollatela sul piano di lavoro per sagomarla fino ad ottenere un cordoncino lungo quasi quanto lo stampo.

Prendete una pallina di impasto marrone scuro e stendetelo in un rettangolino molto lungo, disponeteci sopra il rotolino marrone chiaro e arrotolateci intorno il rettangolino, chiudendolo.

Prendete ora una pallina di impasto bianco, stendete in un rettangolo lungo e avvolgetelo intorno agli altri due.
Procedete nel medesimo modo con tutte le altre palline, arrivando ad ottenere 7 rotolini diversi, bianchi all’esterno.

Disponete tutti i rotolini dentro allo stampo rivestito di carta forno e lasciate lievitare nuovamente per almeno 2 ore o fino al raddoppio, quindi spennellate con latte e cuocete per circa 40 minuti in forno ventilato preriscaldato a 170°C.

Il pane leopardato è pronto, lasciatelo raffreddare completamente prima di tagliarlo a fette e gustarvelo.

Proudly powered by WordPress