Tag: Secondi Piatti

L’aperitivo a Parma – La Cucina Italiana

L'aperitivo a Parma - La Cucina Italiana

Impara a cucinare online con La Cucina Italiana

Inizia subito a cucinare: prova gratis per 14 giorni, disdici quando vuoi.

  • Accedi a decine di corsi online, senza limiti
  • Segui nuove lezioni ogni settimana
  • Impara da chef professionisti, con spiegazioni pratiche in video e schede step-by-step
  • Divertiti in ogni momento: crea il tuo piano didattico, liberamente da ogni device

Edizione digitale inclusa
Abbonamento rivista annuale
(12 numeri) solo € 26,40

45%sconto

Ogni anno oltre 1.000 nuove ricette provate per voi nella cucina di redazione.
Spunti, idee e suggerimenti per divertirsi ai fornelli e preparare piatti di sicuro successo.
La Cucina Italiana, recentemente rinnovata nella veste grafica, propone anche rubriche
che vanno dalla scuola di cucina all’educazione alimentare dei più piccoli, dal turismo enogastronomico
alle nuove tendenze.

I vantaggi sono tantissimi, inclusa la possibilità di leggere la tua rivista su tablet!

Servizio clienti

Ti vuoi abbonare? Sei abbonato ma la copia non ti è arrivata? Hai cambiato indirizzo?
Per queste e altre domande il Servizio Abbonamenti è a tua disposizione:
E-mail: abbonati@condenast.it
Telefono: 199 133 199* dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 18.00.
Fax: 199 144 199
Vai al servizio clienti
Vuoi richiedere un arretrato, di un numero in edicola o di uno speciale?
Vai al servizio arretrati

* Il costo della chiamata per i telefoni fissi da tutta Italia è di 11,88 centesimi
di euro al minuto + iva senza scatto alla risposta. Per le chiamate da cellulare
i costi sono legati all’operatore utilizzato.

» Budini di riso – Ricetta Budini di riso di Misya

Misya.info

Innanzitutto preparate la pasta frolla: unite tutti gli ingredienti in una ciotola e mescolate velocemente tra di loro.

Una volta ottenuto un panetto omogeneo, avvolgetelo con pellicola trasparente e fatelo riposare per 1 ora in frigo.

Preparate ora la crema di riso: mettete tutti gli ingredienti meno il riso e il burro in una casseruola, portate a bollore e quindi cuocete il riso a fiamma dolce, mescolando per non farlo attaccare, per 20-25 minuti (il riso deve essere ben cotto, quindi aggiungete il burro e lasciate raffreddare, coperto con pellicola per alimenti.

Preparate poi la crema pasticciera:

Fate sobbollire una stecca di vaniglia incisa nel latte per 5 minuti.

In una ciotola montate i tuorli con lo zucchero, poi unite la maizena e poi il latte caldo a filo mescolando fino ad ottenere un comòposto omogeneo.

Travasate il composto in un pentolino e portate a bollore, mescolando spesso per non far creare grumi, cuocendo fino ad ottenere una crema densa e lucida, quindi coprite con pellicola trasparente e lasciate raffreddare.

Quando crema di riso e crema pasticciera saranno entrambe fredde, unitele tra di loro e mescolate fino ad amalgamarle.

Infine assemblate i vostri dolcetti: riprendete la frolla e stendetela in una sfoglia sottile, ricavate 12 cerchietti e usatene metà per foderare gli stampini per muffin imburrati e infarinati.
Distribuite la crema nei gusci di frolla, facendo attenzione a non arrivare ad bordo.

Chiudete i gusci con i cerchietti restanti, quindi cuocete in forno statico preriscaldato a 180°C, per circa 20 minuti; poi abbassate la temperatura a 160 e cuocete ancora per altri 10-15 minuti.

I budini di riso sono pronti: fateli raffreddare completamente, quindi decorate con zucchero a velo e servite.

Milano Wine Week 2021: guida agli eventi

Milano Wine Week 2021: guida agli eventi

Torna l’evento a Milano dedicato al mondo del vino dal 2 al 10 ottobre 2021: degustazioni, masterclass, conferenze e ovviamente tanti brindisi!

La Milano Wine Week inizierà la sera del 2 ottobre con il tradizionale brindisi con il Trentodoc, le bollicine di montagna trentine. Alle ore 19 si brinderà, oltre che nella storica sede di Palazzo Bovara, anche in tre tra i più suggestivi rooftop di Milano: VIU Rooftop di Hotel VIU Milan, da A’ Riccione Terrazza 12 del Brian & Berry e presso Terrazza Duomo 21.
L’inaugurazione sarà a ingresso libero con offerta in favore di Fondazione Humanitas per la Ricerca, previa registrazione.

Per accedere a quasi tutti gli appuntamenti è necessario registrarsi sul sito della Milano Wine Week.
L’accesso agli eventi sarà consentito esclusivamente con l’esibizione del Green Pass.

Per essere sempre aggiornati sul programma e prenotare le experience è consigliato anche scaricare l’app W.

Ecco tutti gli eventi aperti al pubblico:

I Wine talks con professionisti del settore, coordinati dalla wine educator Cristina Mercuri che avverranno i giorni 5, 6 e 8 ottobre a Palazzo Castiglioni in Corso Venezia 47, mentre il Shaping Wine Forum si terrà il 7 ottobre presso l’Auditorium Ferrero in Bocconi SDA, in via Roberto Sarfatti 25.

Sarà possibile, sempre su prenotazione, partecipare a degli esclusivi Wine tour fuori Milano.

Si potrà andare nella zona del Lugana, partendo comodamente con il servizio navetta organizzato da Milano, arrivando alla cantina Cà Maiol di Desenzano sul Garda, di proprietà del Gruppo Vinicolo Santa Margherita.
Durante il tour si visiteranno i vigneti, la nuova cantina, una piccola food experience dedicata agli ospiti, per poi concludere con una degustazione. Partecipare al tour è possibile tramite prenotazione, con un costo di 60 euro, con partenze da Palazzo Bovara il 2,3 e 10 ottobre.

Altra destinazione per i wine tour saranno le affascinanti cantine sotterranee della Guido Berlucchi a Borgonato di Corte Franca (BS) in cui ha sede l’azienda, che proprio quest’anno festeggia i 60 anni di storia.

Un’altra esperienza originale da vivere a Milano è quella della Wine Boat, l’imbarcazione elettrica e sostenibile sul naviglio, sulla quale sarà possibile prenotare, con un costo di 35 euro, una degustazione di 4 vini del Chianti.

In tutti gli infopoint, ovvero le postazioni gazebo all’esterno dei locali che aderiscono alla Milano Wine Week, tutti i pomeriggi dalle 14.30 alle 18.30, saranno possibili per il pubblico dei percorsi di avvicinamento al vino gratuiti.
Cosa significa? Che si potrà degustare un vino, con una breve degustazione guidata da un enologo.
Il vino previsto per la degustazione sarà sempre relativo al territorio che rappresenta il district.

Ecco i 10 wine district di Milano per la Wine Week:

Franciacorta in zona Brera/Garibaldi/Solferino
Consorzio dell’Asti e del Moscato d’Asti DOCG in Sempione/Arco della Pace
Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG a Porta Nuova/Gae Aulenti
Consorzio Tutela Lugana DOC a Porta Romana
Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese in zona Eustachi/Plinio
Brunello in Galleria – Brunello di Montalcino in Galleria Vittorio Emanuele
Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella a Marghera/Sanzio
Consorzio Vino Chianti ai Navigli
Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo a Porta Venezia
In Liguria in zona Isola

Nei vari distretti sono state previste cene con i produttori nei ristoranti aderenti all’iniziativa. Per conoscere tutte le serate a tema visitate la pagina dedicata sul sito della Milano Wine Week.

Tra i vari eventi aperti al pubblico senza prenotazione segnaliamo:

Pasqua Vigneti e Cantine aprirà la settimana del vino milanese con una gigantesca opera immersiva che celebra la creatività, il talento e il vino italiano. Con la direzione creativa del collettivo artistico NONE e realizzata in collaborazione con BASE Milano, l’opera dal titolo “Falling Dreams” offrirà un’esperienza sospesa tra sogno e realtà. La mostra sarà aperta gratuitamente al pubblico dal 6 al 9 ottobre, dalle ore 18.00 alle ore 22.00.

Berlucchi, invece, tra le cantine simbolo dell’eccellenza della Franciacorta nel mondo celebrerà il suo 60esimo anniversario ripercorrendo la storia dell’azienda attraverso una mostra che animerà il centralissimo Corso Vittorio Emanuele.

Un’altra esperienza unica è la degustazione al buio all’Istituto dei ciechi di Milano, organizzata dalle donne del vino della Lombardia e il cui ricavato andrà all’Istituto. Una degustazione “speciale e diversa”, ad occhi chiusi, eccezionalmente guidata da Luca Boccoli, Maestro Sommelier Professionista.

E ora…non resta che brindare!

Proudly powered by WordPress