Tag: pasta

Un piatto di pasta rende felici? Lo dice la macchina della verità

La Cucina Italiana

Un piatto di pasta rende felici? Sembrerebbe di sì. Non a caso secondo il World Happiness Report 2022, che ogni anno realizza una classifica sui Paesi in cui le persone si sentono più felici, l’Italia è al 31° posto (in testa Finlandia, Danimarca e Islanda), in un ranking che comprende 146 Paesi. E la nostra buona tavola avrebbe un peso. 

Come reagisce il cervello quando si mangia la pasta? Lo studio

Pasta uguale a buonumore: lo studio 

Vi sembra banalmente un luogo comune? Ecco la prova scientifica: si tratta di uno studio italiano, del Behavior & Brain Lab della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, realizzato per i pastai italiani di Unione Italiana Food. È la prima volta, per capirci, che la ricerca indaga la sfera emotivo-gratificatoria per capire come, quanto e perché siamo felici quando mangiamo un piatto di pasta, tracciando cosa si “accende” nel nostro cervello di fronte a una Carbonara, Amatriciana e simili. 

Per farlo, i ricercatori della Libera Università dello IULM hanno usato la tecnica del brain tracking, una tecnica simile alla macchina della verità (ovvero l’analisi delle espressioni del volto, delle attivazioni cerebrali legate alle emozioni, della variazione del battito cardiaco e della microsudorazione), su un campione di 40 soggetti (20 donne e 20 uomini) di età compresa tra i 25 e i 55 anni e senza allergie o intolleranze alimentari. Lo studio ha così individuato il tipo di reazione emotiva e il relativo grado di coinvolgimento dell’assaggio di un piatto di pasta, in comparazione ad alcune attività preferite come ascoltare una musica coinvolgente o assistere alla finale delle Olimpiadi.

Pasta ripiena per Natale, tanti formati: quale sceglierete?

La Cucina Italiana

La pasta ripiena per Natale non può mai mancare a Natale, giusto? Detta così fa sorridere, ma è la verità, altrimenti… che Natale sarebbe? Un gioco di parole simpatico per sottolineare quanto sia importante la pasta ripiena per le tavole natalizie degli italiani. Tanti i formati possibili, difficile scegliere, quindi vi offriamo tante proposte firmate La Cucina Italiana e… buon appetito!

La pasta ripiena per Natale

Che la prepariate in casa ogni anno tutti assieme ascoltando le canzoni di natalizie o che siate alle prime armi, è arrivato il momento di fare la pasta ripiena. La si può iniziare a fare con un paio di giorni di anticipo, avendo cura di sigillare bene ogni raviolo, gnocco, tortellino o cappelletto per non aver brutte sorprese in cottura. Nel caso in cui scegliate una preparazione in brodo invece, un giorno di anticipo e una notte in frigorifero vi consentiranno di rimuovere il grasso dal brodo che si sarà solidificato raffreddando.

Ecco allora 30 idee perfette per il pranzo di Natale a base di pasta ripiena tra grandi classici, nuove proposte e semplici ingredienti che sapranno conquistare tutti.

La nostra pasta ripiena per Natale

pasta ripiena per Natale

La pasta ripiena per Natale: 30 ricette

Pasta ncasciata – Ricetta di Misya

Pasta ncasciata - Ricetta di Misya

Innanzitutto preparate il ragù: mondate e tritate porro, sedano e carota, fateli appassire con olio in una casseruola, unite la carne e lasciatela rosolare mescolando spesso.

Sfumate con il vino, quindi unite il concentrato di pomodoro.

Infine aggiungete la passata, salate e lasciate cuocere a fiamma bassa per 2 ore, mescolando ogni tanto.

Intanto mondate le melanzane, lavatele e tagliatele a dadini, quindi friggetele in abbondante olio bene calde e scolatele con una schiumarola su carta da cucina quando saranno dorate.

Cuocete le uova sode (per circa 8 minuti dall’ebollizione), lasciatele intiepidire, quindi sgusciatele e tagliatele a fettine.

Tagliate a dadini il caciocavallo fresco e grattugiate alla julienne quello stagionato (o il parmigiano).

Nel frattempo cuocete la pasta in acqua bollente poco salata, scolatela molto al dente (anche meglio a metà cottura) e conditela con 1 mestolo di ragù.

Ungete leggermente la teglia e spolverizzatela con un po’ di pangrattato, quindi coprite il fondo con 1/3 del ragù rimasto.

Create uno strato con metà di ogni ingrediente: pasta, prosciutto, melanzane, caciocavallo e uova sode; coprite con uno strato di ragù e ripetete.

Completate con il ragù, spolverizzate con caciocavallo e pangrattato, aggiungete un filino d’olio e cuocete per circa 20 minuti a 180°C, in forno ventilato già caldo (potete aggiungere il grill negli ultimi 5 minuti di cottura).

La pasta ncasciata è pronta, lasciatela riposare per almeno 10 minuti prima di servirla.

Proudly powered by WordPress