Tag: ZUCCA

25 vini da abbinamento in autunno

La Cucina Italiana

Tanti sono gli ingredienti da utilizzare in questa stagione: dalle castagne alla zucca, passando per i funghi. Se vi state chiedendo come abbinare questi prodotti con dei buoni vini, ecco una piccola guida per scegliere la bottiglia giusta da abbinare a ingredienti di stagione.

Con le castagne

Delicatezza, dolcezza e pastosità sono le caratteristiche principali di cui tenere conto nell’abbinamento con le castagne. A seconda del tipo di cottura (bollite, arrostite…) e degli ingredienti dolci o salati della ricetta, si stappano vini fermi o frizzanti, morbidi o secchi, ma è meglio che siano sempre rossi, giovani, con pochi tannini e non troppo strutturati.

Risotto alle castagne con porro e salvia fritti

Riccardo Lettieri

1. La merenda altoatesina d’autunno contempla castagne speck, formaggi e un calice
di Santa Maddalena. Il Moar 2021 di Cantina Bolzano ha profumi di ciliegia e lampone. 20 euro, kellereibozen.com.
2. I profumi di fichi, frutti rossi e spezie e la vinificazione in acciaio rendono il Nero di Troia Gelso Nero 2021 di Podere 29 morbido e perfetto per accompagnare carni bianche con ripieno di castagne e salsiccia. 12 euro, podere29.it.
3. Carattere vellutato e intensi aromi di ciliegia e cioccolato per il Primitivo Passito 2020 di Cantine Imperatore da provare con dolci come la crostata di castagne, ricotta e cioccolato. 25 euro, cantineimperatore.com.
4. Frizzante, fruttato e persistente, il Sangue di Giuda Acqua Calda 2021 di Francesco Quaquarini sta bene con il castagnaccio. 10 euro, quaquarinifrancesco.com. 
5. Fresco, con profumi di erbe aromatiche, melagrana e ribes, il Valpolicella Valpantena 2021 di Bertani è il rosso per i primi piatti alle castagne, compreso il Risotto nella foto. Diventa
un aperitivo servito a 14 °C con castagne avvolte nella pancetta. 13 euro, bertani.net.

Con i funghi

Con un sapore che ricorda il sottobosco e un finale amarognolo, i funghi possono essere più o meno saporiti. Si scelgono bianchi freschi quando sono serviti crudi e si sale di struttura con i primi piatti. Bollicine, bianche e rosé, sono perfette con molte ricette, mentre le cotture alla griglia e l’abbinamento con la carne chiedono un rosso non troppo strutturato.

Pasta zucca e speck – Ricetta di Misya

Pasta zucca e speck - Ricetta di Misya

Innanzitutto sbucciate la zucca, eliminate semi e filamenti interni, lavatela e tagliatela a dadini.

Tritate finemente la cipolla e fatela appassire in una casseruola con olio abbondante, quindi aggiungete la zucca e lasciatela insaporire.
Coprite con acqua e cuocete a fiamma alta per circa 20 minuti o finché la zucca non inizierà a sfaldarsi.

Nel frattempo mettete a cuocere la pasta, in acqua bollente leggermente salata.
Tagliate lo speck a dadini e fatelo dorare in una padella antiaderente, senza aggiungere condimento, quindi mettetelo da parte.

Prendete metà della zucca e frullatela con un minipimer, poi mettete zucca e purea di zucca nella padella dove avete fatto dorare lo speck.
.

Scolate la pasta ben al dente e aggiungetela al condimento, quindi aggiungete anche lo speck che avevate messo da parte e aggiustate di sale e pepe.

La pasta zucca e speck è pronta, non vi resta che servirla, aggiungendo qualche fogliolina di salvia se vi piace.

Proudly powered by WordPress