Tag: cucinare italiano ricette

Pizza integrale? È più digeribile con una lunga lievitazione

Pizza integrale? È più digeribile con una lunga lievitazione

Il segreto per fare una buona pizza integrale? Sicuramente la lunga lievitazione che permette un’alta digeribilità e un sapore intenso e gustoso. Ecco come farla a casa

La pizza integrale? Buona, ricca di fibre, gustosa e leggera: la scelta giusta per chi vuole mangiare una pizza, ma non appesantirsi troppo. La pizza integrale, infatti, è anche più digeribile di quella fatta con farina 0 oppure 00, sopratutto se la lievitazione avviene con un processo più lungo.

Il segreto dalla sua alta digeribilità, oltre all’uso di una farina meno raffinate, sta proprio nel tempo di lievitazione, parametro indispensabile da tenere presente se si vuole portare in tavola una pizza integrale leggera, ma gustosa, con tante bolle nell’impasto e una quantità elevata di fibre, ossigeno per l’intestino e indispensabile per favorire i processi digestivi.

Scopriamo quindi come preparare una pizza integrale a lunga lievitazione e i segreti per farla a casa.

Pizza bianca integrale con crescenza e asparagi.

Pizza integrale: la ricetta

Ingredienti

Per preparare l’impasto per una pizza integrale a lunga lievitazione vi serviranno: 500 g di farina integrale, 3 g di lievito di birra, 5 g di zucchero, 10 g di sale, 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Procedimento

Il procedimento per fare una pizza integrale a casa e farla lievitare a lungo inizia con l’attivazione del lievito: basta mescolarlo con lo zucchero in un recipiente con dell’acqua tiepida ed espettare che si crei una schiumetta in superficie. In un altro recipiente, poi, aggiungete il lievito alla farina e iniziate a impastare, aggiungendo solo in un secondo momento il sale e l’olio di oliva.

Lavorate l’impasto con le mani, facendo le famose “pieghe”. Potete seguire la nostra ricetta per ottenere un impasta della pizza denso ed elastico. Dopo averlo lavorato bisogna fare una palla e riporla in un recipiente con delle farina, coprendo il tutto con la pellicola trasparente e lasciandola lievitare in frigorifero per 24 ore.

La lunga lievitazione a freddo permetterà alla pizza integrale un processo di crescita graduale e bilanciato. Passato il tempo, prima di condire la pizza a piacere, occorre lasciare l’impasto a temperatura ambiente per circa 30 minuti prima di stenderlo sulla teglia e infornare.

» Frolla montata agli albumi

Misya.info

Innanzitutto montate il burro a pezzetti, appena ammorbidito, con le fruste fino ad ottenere una consistenza quasi cremosa, quindi aggiungete zucchero, albume, sale e vaniglia.

Infine incorporate anche la farina.

Infine dividete il composto a metà e aggiungete da una parte la fecola e dall’altra il cacao.

Mettete il composto in una sac-à-poche con beccuccio a stella (vi consiglio di iniziare con quello chiaro, se avete una sola sac-à-poche) con il beccuccio a stella e sagomate i vostri biscotti sulla teglia rivestita di carta forno.
Aggiungete le decorazioni che volete aggiungere prima della cottura (io ho messo le ciliegie candite e le codette di cioccolato) e cuocete per 10-12 minuti (dovranno risultare dorati sotto e leggermente ai lati, ma molto più chiari sopra) a 190°C, in forno ventilato già caldo, quindi sfornate, lasciate raffreddare completamente e procedete con le altre decorazioni (nel mio caso: cioccolato fondente fuso e granella di nocciole, semplice zucchero a velo, cioccolato fondente fuso e cocco).

Procedete nel medesimo modo per il composto al cacao: sagomate, decorate (nel mio caso: nutella e granella di zucchero), cuocete, fate raffreddare, finite di decorare (nel mio caso: cioccolato bianco fuso e pistacchi, cioccolato bianco fuso e praline/gocce di cioccolato, semplice zucchero a velo).

I biscotti di frolla montata agli albumi sono pronti, lasciate solidificare bene il cioccolato prima di servirli.


Anna in Casa: ricette e non solo: Focaccia alta senza impasto

Anna in Casa: ricette e non solo: Focaccia alta senza impasto

Il fine settimana chiama pizza o focaccia, è una regola e le regole vanno rispettate, punto.

A tal proposito che ne dite domani di portare in tavola una bella focaccia alta e soffice?

L’impasto che utilizzo più spesso per preparare la focaccia è questo. A volte lo faccio lievitare 24 ore, a volte 48 ore e a volte 72, dipende da quanto tempo prima voglio prepararlo. A voi la scelta ma qualunque sia il risultato è sempre ottimo.

Ingredienti

Per impasto

600 g di farina Manitoba

           o una farina di grano tenero W240

450 ml di acqua temperatura ambiente

1,5 g di lievito di birra secco

            o 4 g di lievito di birra fresco)

10 g di sale fino

1 pizzico di zucchero (a piacere)

Per la salamoia

6 cucchiai di acqua

3 cucchiai di olio EVO

1 cucchiaino raso di sale

Per insaporire

Procedimento

Questo impasto richiede una lunga lievitazione data la poca grammatura di lievito.

Potete prepararlo la sera prima per poi utilizzarlo quella dopo.

In un caso io l’ho fatta lievitare 48 ore e in un altro per 72, ma in tutte e tre le prove l’impasto era ottimo.

Tenere conto che trascorso il tempo di lievitazione in frigorifero, fra la stesura (dopo averla tenuta a temperatura ambiente) e la cottura, l’impasto avrà bisogno di ancora almeno 1 ora di lievitazione.



In una ciotola sciogliere nell’acqua


il lievito con lo zucchero.


 In una ciotola abbastanza capiente, pesare la farina.


Aggiungere alla farina l’acqua,


Iniziando a mescolare con


una forchetta.
Mescolare fino a quando la farina ha assorbito completamente l’acqua.


Si otterrà un impasto appiccicoso.
Coprire con pellicola trasparente NON a contatto e mettere in frigorifero per 24 ore.
Trascorso il tempo di lievitazione, togliere l’impasto dal frigorifero e lasciarlo a temperatura ambiente almeno fino a quando il recipiente non è più freddo.
Nel frattempo ungere una teglia da forno e, con le mani unte, prendere l’impasto e delicatamente stenderlo nella teglia.
Lasciare lievitare ancora per un’ora circa.
Intanto preparare l’emulsione unendo acqua olio e sale in una ciotolina.
Scaldare il forno a 225°C.


Prima di infornare, spennellare la superficie con la salamoia.Con le dita fare i buchi nell’impasto e infine guarnire a piacere con il rosmarino.

Infornare e cuocere per circa 15 minuti, controllando che non si scurisca troppo la superficie e che la base sia cotta prima di sfornare.


Se non la servite subito, lasciare raffreddare su una gratella.

Proudly powered by WordPress