Tag: ricette di oggi

Ricette con le fragole: le nostre migliori idee dolci e salate

La Cucina Italiana

Se 50 ricette con le fragole vi sembrano troppe… state per ricredevi. Questo frutto è infatti così naturalmente bilanciato nel gusto da prestarsi a tantissime preparazioni differenti senza annoiare mai. Ricette con le fragole dolci e salate di susseguono proponendo preparazioni tutte da provare.

Le nostre ricette con le fragole

A partire da proposte classiche e irrinunciabili come la crostata di fragole, i bignè con gelato e salsa di fragole, la torta al cacao con crema di fragole, la crostata con yogurt e fragole, le brioche alle fragole, le mini cheesecake con chips di fragole e la torta con meringhe morbide al cacao e fragole. Se siete alla ricerca di ricette con le fragole fresche e leggere, vi consigliamo di provare le fragole marinate al lemon grass, le fragole al Barbera, il sorbetto di fragole e cassis, le fragole sciroppate, la zuppetta di fragole con amaretti, le fragole gelatinate e gelato, le piccole gelatine con lamponi e fragole e il sorbetto al latte di mandorle e fragole. Ma non finisce qui. Tra le ricette con le fragole salate, abbiamo scelto le polpette di piselli con maionese alla fragola, l’insalata con capesante e salsa di fragole, la vellutata di pomodori e fragole con finto riso nero, l’insalata con fragole marinate e ricotta di capra, i dadi di tonno al sesamo con fragole balsamiche e i medaglioni di maiale con composta di fragole e scalogni.

Come utilizzare le fragole ammaccate

Quando acquistiamo un cestino di fragole mature, capita spesso di trovare qualche frutto ammaccato. Questo accade perché le fragole sono molto delicate e possono soffrire il caldo, lo stoccaggio, ma anche l’attesa nel frigorifero. Il primo consiglio per non sprecarle è quello di consumarle appena acquistate. In questo modo potrete godere appieno della loro dolcezza apprezzandone la naturale consistenza quasi croccante. Ma se vi dovesse capitare di lasciare per troppo tempo le fragole nel frigorifero, ecco allora qualche idea per utilizzare le fragole ammaccate. Una volta lavate e private delle eventuali parti che non sono più commestibili, potete tagliarle grossolanamente, frullarle con dello zucchero e del succo di limone, cuocere il composto per qualche minuto a fuoco lento e utilizzare questa salsa di fragole per rendere ancora più buono ogni gelato. Se siete alla ricerca di qualcosa di alternativo invece, vi invitiamo a preparare una facilissima salsa di fragole piccante. Per prepararla riducete le fragole in dadini e mettete sul fuoco in una padella in cui avete fatto sciogliere del burro con un pizzico di peperoncino. Aggiungete un po’ di zucchero per caramellare, sfumate con aceto di mele e terminare la cottura quando si raggiunge la consistenza desiderata. Una volta raffreddata, è perfetta per accompagnare i formaggi!

Le nostre ricette dolci e salate con le fragole

50 ricette con le fragole (dolci e salate)

Carbonara Day: le nostre ricette ispirate al celebre piatto romano

La Cucina Italiana

Il 6 aprile si celebra il Carbonara Day, una giornata dedicata a questo piatto italiano che ha conquistato tutto il mondo. La carbonara è una delle ricette su cui si sono scatenati i più accesi dibattiti tra puristi della tradizione e innovatori. Ed è anche il piatto le cui preparazioni (o  interpretazioni), specialmente quelle provenienti da Oltreoceano o da altre parti d’Europa, hanno sollevato scandali e “indignazione popolare”. Vedi la carbonara di Gordon Ramsey, quella alla francese, la carbonara di Nigella Lawson e la ricetta della carbonara con il pomodoro proposta dal New York Times che, per il 95% degli italiani, secondo un sondaggio di Unione Italiana Food, non si poteva proprio definire “carbonara”.

Carbonara, la ricetta tradizionale

Esiste solo un modo per fare la carbonara o non devono esserci limiti alla reinterpretazioni? Noi lasciamo la scelta a voi e per soddisfare tutti i gusti vi sveliamo la nostra ricetta della carbonara secondo tradizione, la preparazione della carbonara passo passo, ma poi anche tante variazioni su questo iconico piatto.

Carbonara: le nostre ricette alternative

Stessa forma della carbonara – una pasta -, ma con gli ingredienti reinterpretati: per i “carnivori” ecco una Carbonara con la salsiccia o con il petto d’anatra (e limone) al posto del guanciale; per chi invece ama il pesce è perfetta la Carbonara di mare con cozze, calamaretti, vongole.

Qualche idea anche con le verdureCarbonara di carciofiPappardelle alla carbonara di asparagi, Fusilloni alla carbonara con piselli, Tagliolini alla carbonara di fave e, ancora, Fusilli alla carbonara vegetariani con spinaci e fagiolini o Linguine alla finta carbonara vegetariana con peperoni e zucchine.

Un altro modo per reinterpretare la carbonara è quella di usare gli ingredienti della ricetta per condire piatti diversi dalla pasta. Qualche esempio? Una polenta alla carbonara, dei ravioli alla carbonara, delle linguine di riso alla carbonara, delle verdure alla carbonara. E che ne dite, infine, di questa ricetta creativa della Mattonella carbonara con sfoglie di pancetta?

Divertitevi con le nostre ricette

Spaghetti alla carbonara

Zeppole di San Giuseppe: la ricetta del pastry chef Nicola Di Lena

La Cucina Italiana

Preparazione Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe senza glutine e senza lattosio

Ingredienti

Per circa 20 zeppole di diametro 7 cm

Per l’impasto 

200 g di acqua 
100 g burro senza lattosio 
160 g farina senza glutine per dolci 
170 g di uova intere (circa 4/5 uova, se usate farina normale ne bastano 3/4) 
5 g di sale

Per la crema pasticcera senza lattosio e senza glutine 

1 litro di latte senza lattosio 
200 g di zucchero 
100 g amido di mais 
7 tuorli 
1 bacca di vaniglia 
1 buccia di limone

Procedimento

Per l’impasto

Bollire assieme acqua, burro e sale, aggiungere la farina setacciata e tenere sul fuoco per almeno 10 minuti, finché si separa bene dal cucchiaio, quindi riporre il composto in una bowl. Prendere un frustino e incorporare pian piano le uova amalgamando bene tutto. Inserire la pasta ottenuta in una sac à poche con punta a stella e stenderla su fogli di carta da forno, disegnando dei cerchi di circa 6 o 7 cm di diametro.

Scaldare bene (circa 180°/185°) abbondante olio di semi di girasole in una padella larga e capiente e immergere le zeppole sulla carta da forno (consiglio: potete immergere direttamente la carta da forno nell’olio, vedrete che la pasta si staccherà da sé) e girarle a metà cottura.

Quando saranno diventate dorate, scolare le zeppole e appoggiarle su un piatto con carta assorbente lasciandole raffreddare.

Per la crema pasticcera

Scaldare il latte con lo zucchero, la buccia di limone e la stecca di vaniglia. Nel frattempo mescolare bene l’amido di mais con le uova. Prendere una piccola parte del latte e incorporarla alla miscela appena preparata, quindi versare il composto ottenuto nel restante latte e continuare a mescolare, sempre sul fuoco. Quando inizia ad addensare, lasciar bollire per 5 /10 minuti a fuoco basso e toglierla dal fuoco per riporla in una ciotola coperta con un foglio di pellicola a contatto, affinché non si formi la noiosa crosticina.

Quando la crema è fredda togliere il limone e la vaniglia e frustare per qualche minuto affinché diventi omogenea e fine. Versare la crema nella sac à poche e farcire le zeppole (abbondantemente, siamo in Puglia!).

Se desiderate, cospargete con zucchero a velo e cannella, in alternativa è possibile passare le zeppole appena fritte nello zucchero semolato e cannella.

Infine, farcire la zeppola anche all’esterno nella parte superiore e porvi sopra un’amarena sciroppata.

Consiglio

È possibile preparare gli impasti anche il giorno prima riponendoli in contenitori ermetici in frigorifero.

Proudly powered by WordPress