Tag: Ricette Funghi

Wired Next Fest a Firenze

La Cucina Italiana

Sabato 28 maggio il palco del Wired Next Fest ospiterà tre dei principali protagonisti della musica italiana di oggi per parlare di ricerca artistica ed evoluzione dell’industria creativa: Gemitaiz, Hell Raton e Sick Luke. Davide De Luca, in arte Gemitaiz, è un rapper e un produttore discografico, uno dei massimi esponenti dell’hip hop italiano. Il 13 maggio è uscito il suo nuovo album intitolato Eclissi, un progetto discografico che arriva a quattro anni di distanza da Davide, ultimo album in studio certificato con il triplo disco di platino. In collegamento da New York, invece, Hell Raton, rapper, talent scout, direttore artistico, creativo e fondatore, insieme a Salmo e Slait, di Machete Empire Records, nonché uno dei giudici delle edizioni 2020 e 2021 di X Factor, per raccontare le connessioni, le potenzialità e le sinergie tra il mondo della musica e del gaming. Infine, Luca Antonio Barker, in arte Sick Luke, uno dei più giovani e prolifici multi-platinum producer e rapper d’Italia. Sin da giovanissimo inizia a produrre basi per numerosissimi rapper americani e italiani, diventando oggi uno dei producer più ascoltati d’Italia.

Oltre alle parole, la musica. Come tradizione torna al Wired Next Fest il format “musica e parole”, in cui le riflessioni degli artisti saranno alternate all’esecuzione dal vivo di alcuni dei loro brani più famosi. Tra i protagonisti della giornata: Willie Peyote, cantante e rapper italiano, rivelazione dell’ultimo Festival di Sanremo con il brano Mai dire mai (la locura), che ha pubblicato in queste settimane il suo nuovo album Pornostalgia; Jacopo Lazzarini, in arte Lazza, rapper italiano, il cui nuovo disco Sirio è in cima alle classifiche di vendita italiane; Margherita Vicario, musicista e attrice che dopo il successo dell’ultimo album Bingo ha recentemente pubblicato il nuovo singolo Astronauti per lanciare il suo tour estivo; Linda Feki, in arte LNDFK, musicista, cantante e compositrice di origini napoletane e arabe che ha pubblicato nel 2022 Kuni, un album rivelazione prodotto da Dario Bass su amore e morte che si muove tra jazz contaminato, neo soul e hip hop. La sua è stata definita da Rolling Stone «la musica italiana di domani suonata oggi»; Mattia Falcone, in arte Mattak, giovane e talentoso rapper di origini svizzere che, dopo il successo di pubblico e critica dell’album di esordio Riproduzione Vietata, è stato inserito da Amazon Prime nella playlist BLACKTHROUGHT ITALIA – la musica del futuro e selezionato all’interno della stessa tra i 3 artisti “spotlight” dell’anno; la compositrice Kety Fusco, la regina dell’arpa elettronica, che attraverso effetti e pedalini trasforma l’immagine classica dello strumento in un generatore di suoni e melodie elettroniche senza confini. Grande appassionata di horror (non a caso la sua performance anticiperà l’incontro tra i registi pluripremiati Gabriele Mainetti e Roberto De Feo), le sue performance sono protagoniste di numerosi festival internazionali di musica jazz, classica e contemporanea, tra cui il Montreux Jazz Festival di cui sarà ospite il prossimo giugno. 

Dopo l’appuntamento fiorentino, il Wired Next Fest tornerà a Milano il prossimo autunno, il 7 e l’8 ottobre presso la Fabbrica del Vapore.

L’evento è gratuito, ma occorre registrarsi. Per ulteriori informazioni sull’evento e per registrarsi cliccare su Wired Next Fest

Anna in Casa: ricette e non solo: Torta al mascarpone di Loredana

Anna in Casa: ricette e non solo: Torta al mascarpone di Loredana

Quando ho letto la ricetta di Loredana ho subito pensato alla scatolina di mascarpone aperta in frigorifero e ho acceso il forno. In quattro e quattro otto la torta era pronta per la 

Spero che Loredana perdonerà due modifiche che ho apportato alla sua ricetta.

Ingredienti 

per una tortiera da 20 cm

120 g di farina 00

50 g di fecola di patate

2 uova intere

120 g di zucchero di canna

100 g di mascarpone

70 ml di latte

8 g di lievito per dolci

q.b. di lamelle di mandorle

Procedimento

Scaldare il forno a 180°C e foderare una tortiera da 20 cm con carta forno.

In una ciotola rompere le uova, 

versare lo zucchero e l’aroma vaniglia.

Aggiungere il mascarpone,

il latte,

la fecola,

il lievito

e in due volte la farina.

Versare il composto nella tortiera, cospargere a piacere, la superficie con zucchero e lamelle di mandorle.

Infornare per 35-40 minuti vale la prova stecchino.

Il ritorno del pesce povero

La Cucina Italiana

Chi siete?

“Siamo un piccolo progetto e vogliamo rimanere tale. Il progetto nasce quando è iniziato il fermento intorno al mondo della sostenibilità. Ci siamo resi conto che c’era uno spazio scoperto: quello dell’ittica. Ci siamo quindi chiesti cosa fosse una filiera corta sostenibile e cosa potesse diventare. Noi veniamo da Termoli, in Molise, che ha una marineria abbastanza piccola: composta da una quarantina di barche. Per cui siamo partiti dalla tradizione, legandoci a quella che era un antica tradizione termolese, quella della Scaffetta. È una tradizione arcaica che si tramanda di padre in figlio da secoli, in cui l’ultima cala dell’ultimo giorno di pesca (giovedì) si divide tra marinai ad uso personale. Le barche qui pescano dalla domenica sera a giovedì sera uscendo in mare alle 10 di sera e tornando alle 10 del giorno dopo, poi lasciano il pesce e ripartono. Noi non abbiamo fatto altro che cambiare il nome dialettale e trasformarlo in Fishbox, oggi concetto più fruibile a tutti, offrendo al consumatore finale l’esatta  fotografia di ciò che il mare offre in ogni stagione dell’anno, racchiudendo quindi in sé il concetto di sostenibilità per eccellenza. Chi compra da noi sa che in ogni stagione comprerà quello che il mare offre, e si adatta. “

Come funziona il mondo della pesca oggi? 

Il pesce che si può comprare tutti i giorni non è la fotografia di quello che il mare offre, ma di quello che offre il mondo. Se si fa attenzione alle etichette, lo si nota. Se si vuole pensare in ottica sostenibile si deve capire che il pesce vive le sue stagioni, esattamente come la frutta e la verdura. Oggi circa il 50/ 60% di quello che viene pescato, viene ributtato subito in acqua perché non trova mercato. A fronte di questo avviene un’importazione del 60/70% di pesce da tutto il mondo perché non c’è domanda di pesci meno nobili, bensì un grande consumo alimentare di quelli rinomati (tonno,salmone etc..). Noi oggi proponiamo stocchi di pesce che vivono regolarmnete i loro cicli naturali. Scegliendo questo metodo si riducono molto le specie a rischio come  gli squaloidi (tonno, razza etc..). Questi pesci, essendo di grande taglia, assorbono i metalli pesanti, a differenza dei piccoli pesci che ne assorbono molti meno. Se riesci a creare un equilibrio tra chi pesca e chi compra crei un meccanismo virtuoso”.

Proudly powered by WordPress