Tag: ricette alimentari

Anna in Casa: ricette e non solo: Fiori di melanzane al forno

Anna in Casa: ricette e non solo: Fiori di melanzane al forno

Mentre scrivevo e sistemavo gli scatti per postare questa ricetta, mi veniva da ridere. 

Vi state chiedendo perché? 

Ho chiamato questa ricetta fiori di melanzane ma appena tagliate le strisce, la prima cosa che mi è venuta in mente è il famoso panno per pulire. Lo so, lo so, state pensando che sono proprio fuori, ma dite la verità, anche se gustosissime, sono sparite in un attimo, non negate che un po’ lo ricordano.

.

Ingredienti

2 melanzane

2 uova

q.b. pangrattato

sale, pepe

prezzemolo tritato

olio d’oliva

Procedimento

Mettere 1 cucchiaio abbondante di sale 

in una ciotola piuttosto capiente e

scioglierlo in abbondante acqua.

Con il pelapatate sbucciare le melanzane

precedentemente lavate e con un coltello

ricavarne tante strisce senza arrivare al “picciolo”, 

come mostrato negli scatti a venire.

Tagliare a metà (ricordate di non arrivare a

tagliare il “picciolo”).

Tagliare ancora a metà 

ottenendo 4 parti.

Le 4 parti tagliarle ancora a metà e 

poi ancora una volta a metà, fino a 

ricavare tante strisce di 1 cm, 1 cm e 1/2.

Immergere le melanzane nell’acqua

salata prima preparata.

Metter un peso sulle melanzane

in modo da immergerle completamente.

Lasciarle immerse per 

una trentina di minuti.

Scaldare il forno a 200°C e foderare una

teglia con carta forno.

Trascorso il tempo del bagnetto, 

togliere le melanzane scuotendole 

leggermente per eliminare il grosso dell’acqua

Adagiarle su carta casa e tamponarle

per asciugarle al meglio.

In un piatto rompere le uova,

aggiungere il sale, il pepe e

il prezzemolo.

A piacere aggiungere altri aromi.

Versare del pangrattato in un vassoio.

Immergere un fiore di melanzana alla volta

nell’uovo e, aiutandovi con un 

pennello spennellare bene tutte le parti.

Girare la melanzana e fare lo stesso

con l’altro lato.

Ora passare la melanzana nel

pangrattato facendolo aderire bene

in ogni sua parte.

Adagiare la melanzana  sulla teglia con 

la carta unta con olio d’oliva.

Infornare per 30-40 minuti fino a cottura e doratura.

Pizza ripiena mascarpone e salame

Pizza ripiena mascarpone e salame

Preparate l’impasto: mettete farina e lievito in una ciotola, incorporate prima l’acqua e poi sale e strutto poco per volta, lavorando a lungo.

Dovrete ottenere un panetto elastico e omogeneo.

Trasferite in una ciotola, coprite con pellicola o un canovaccio pulito e fate lievitare per almeno 3-4 ore: dovrà triplicare di volume.

Preparate la farcitura: mettete panna, mascarpone, sale, pepe ed erba cipollina in una ciotola e amalgamate, quindi incorporate prima il tuorlo e poi olive, salame e formaggio a pezzetti.

Riprendete l’impasto, dividetelo in 2 parti (di cui una leggermente più grande) e stendetele entrambe.
Foderate con quella più grande lo stampo leggermente unto (di olio o burro) e riempite il guscio di impasto con la farcitura.

Chiudete con la seconda sfoglia, pareggiate i bordi e sigillateli, quindi lasciatela lievitare ancora per 1 ora.
Cuocete, in forno ventilato preriscaldato a 180°C, per circa 30 minuti o fino a doratura.

La pizza ripiena mascarpone e salame è pronta: lasciatela raffreddare completamente prima di tagliarla a fette e servirla.

I nuovi gelati Loacker #DaAssaggiare

La Cucina Italiana

Due storiche aziende si uniscono per realizzare il sogno dei più golosi. Sammontata e Loacker lanciano tre nuovi gelati che mettono insieme la qualità del gelato Sammontana e i classici wafer nati a Bolzano.     

Gelati Loacker: i nuovi gusti #DaAssaggiare

Iniziamo col Gelato Biscotto Napolitaner, farcito con cremoso gelato alla nocciola e al cacao. Le nocciole 100% italiane tostate in casa Loacker sono proprio le stesse della celebre crema Napolitaner.

Poi c’è il Gelato Biscotto Latte Alpino: questa volta i due biscotti custodiscono un delicato gelato alla panna fresca e al latte delle Alpi, per raccontare ancora meglio la purezza degli ingredienti utilizzati e delle montagne, da sempre simbolo degli iconici wafer.

Infine, la Tortina Loacker si trasforma in Tortina Gelato, due biscotti alla nocciola e al cioccolato ripieni di gelato con latte alpino, polvere di biscotti e variegatura alla nocciola e al cacao

I gelati Loacker saranno disponibili nei principali supermercati in un pratico multi-pack da 8 biscotti gelato in 4 pratiche confezioni. Il gelato biscotto Napolitaner è disponibile anche nei migliori bar Sammontana nell’astuccio da due biscotti.

article image
Tutto quello che c’è in un Loacker

Leggi l’articolo

Proudly powered by WordPress