Tag: ricetta focaccia

Alto Adige, la nuova generazione di vignaioli guarda al futuro

Alto Adige, la nuova generazione di vignaioli guarda al futuro

In Alto Adige c’è una nuova generazione di vignaioli che sta facendo rumore con l’intenzione di farsi sentire ben oltre le alte vette che li circondano. Con 5.600 ettari vitati, a un’altezza che va dai 200 ai 1.000 metri, la produzione vinicola dell’Alto Adige (40 milioni di bottiglie annue) poggia saldamente su più di 5.000 aziende agricole: tutte piccole strutture, guidate da grandi personalità che, gradualmente, stanno lasciando il timone a giovani tra i 25 e i 35 anni. Tra tenute private e cantine sociali, le aziende familiari altoatesine sono animate da tradizione e passione. E formazione. Ines, Simon, Andreas e gli altri hanno studiato enologia, qualcuno è voltato anche all’estero per saperne di più di marketing e comunicazione, qualcun altro ha fatto esperienza in altre cantine. Ma tutti alla fine sono tornati “a casa”, con questo obiettivo: elevare i vini dell’Alto Adige a vini di qualità, sempre maggiore, soprattutto a livello internazionale. 

Il giovane enologo Jakob Gasser ha appena ricevuto il timone da Hans Terzer di San Michele Appiano

Un percorso necessario per garantire il futuro vitivinicolo di questa regione a statuto speciale, che oggi vede impegnati decine di giovani produttori in un progetto di ampio respiro, sostenuto dal Consorzio Vini Alto Adige, punto di riferimento per la promozione e distribuzione di tutto il comparto. Una piattaforma che, a oggi, rappresenta 181 associati, di cui 12 cantine sociali (con una quota sulla produzione totale pari al 70%), 32 tenute private (25%) e 116 vignaioli indipendenti (5%) che possono contare su 20 tipologie diverse di vitigni. 

Ricetta Cavedano mantecato, pesto di aglio orsino e chips di riso

Ricetta Cavedano mantecato, pesto di aglio orsino e chips di riso

Cuocete il riso, partendo da 300 g di acqua fredda, per circa 45 minuti a fiamma media, finché il riso non comincerà a disfarsi. Frullatelo con la sua acqua di cottura, a caldo, unendo una presa di sale e 1 cucchiaino di aceto balsamico di mela. Stendete la crema ottenuta con una spatola, su un foglio di carta da forno, a uno spessore di 2-3 mm; fate essiccare in forno a 70 °C per un paio di ore, finché il composto di riso non si staccherà dalla carta.

Mini clafoutis alle ciliegie senza glutine e senza lattosio

Mini clafoutis alle ciliegie senza glutine e senza lattosio

Qualcuno gradisce un mini clafoutis? 

È adatto a tutti non contiene glutine o lattosio.

ORAMAI LO SAPETE CHE HO PRESENTATO FORMALE DENUNCIA PRESSO LA POLIZIA POSTALE A CARICO DEL SITO COTTO-E-MANGIATO. INFO, CHE DA TEMPO VIOLA LA MIA PROPRIETÀ INTELLETTUALE, PUBBLICANDO I MIEI CONTENUTI SENZA IL CONSENSO E DI CUI CHIEDO L’IMMEDIATA E TOTALE RIMOZIONE.

Ingredienti

400 g di ciliegie (pesate già denocciolate)
4 uova intere
80 g di zucchero di canna + altro sufficiente per più stampini
200 ml di latte di mandorle
80 g di farina di mandorle
20 g di amido di mais
1 cucchiaino da caffè di aroma vaniglia

Proudly powered by WordPress