Tag: #estateitalianalci

Spaghettata di mezzanotte, 40 ricette da sogno

La Cucina Italiana

Quadro perfetto per una spaghettata di mezzanotte. Una giornata al sole tra mare, tuffi e giochi in acqua. La doccia rinfrescante e una cena leggera prima della passeggiata in paese tra birre fresche, musica dal vivo. Il rientro a casa, quattro chiacchiere e magari si gioca una o pià partite a carte. Tra una risata e l’altra, viene un po’ di languorino…. o fame? Quando arriva l’ora della spaghettata di mezzanotte, è impossibile sottrarsi al rito!

La classica aglio, olio e peperoncino è sempre ben gradita da tutti, ma perché non proporre qualcosa di diverso? Magari qualche piatto con gli spaghetti al sugo, del tonno, le verdure e un condimento che profumi di mare. Anche la bottarga è un’idea semplice e gustosa e le acciughe in vasetto che abbiamo in dispensa sapranno dare un tocco in più alle preparazioni base. E che dire degli spaghetti con le vongole, semplicemente irresistibili.

Ma ci sono anche ricette semplici e gustose che reinterpretano i grandi classici delle spaghettate di mezzanotte, ecco alcune idee: spaghetti al pomodoro al profumo di arancia e maggiorana, con pomodorini sott’olio e burrata, con pancetta e mandorle, aglio, olio, peperoncino e crema di grana, mollica e acciughe, con la bottarga e limone salato. Spaghetti alla Ungaretti e alla Nerano, con fasolari, alla puttanesca o  infuocati, e per finire uno spaghettino sciué sciué.

Le nostre ricette indicano le dosi per quattro o sei persone, ricordatevi di modificarle se la tavolata diventasse numerosa. E se gli spaghetti da servire sono tanti, scolateli in due mandate o tenderanno ad incollarsi. Per lo stesso motivo è bene preparare in anticipo la ciotola dove li condirete, alternando spaghetti e sugo per riuscire a mescolare e ad amalgamare al meglio il tutto. Servite e se vi è avanzato un po’ di sugo aggiungetene una cucchiaiata ad ogni piatto.

Buon appetito, anche a mezzanotte!

Ecco tante ricette per la spaghettata di mezzanotte:

Spaghettata di mezzanotte, 40 ricette

Lecce in giornata, cosa e dove mangiare e bere benissimo

Lecce in giornata, cosa e dove mangiare e bere benissimo

Che Lecce sia bellissima, non occorre ribadirlo. Negli ultimi anni però, la posizione al crocevia di due mari, la presenza di bellissimi palazzi storici e di una miriade di chiese, ha attirato qui un pubblico sempre più attento e sempre più internazionale. Di pari passo si è sviluppata un’offerta gastronomica sempre più interessante. Tra le strade del centro storico si snodano sia insegne tradizionali, dove mangiare a Lecce i piatti tipici della cucina salentina, che indirizzi più trasversali, tra drink, enoteche, aperitivi e ristoranti di alta qualità. 

Il campanile della piazza del Duomo di Lecce con ArtWork

Proprio per via della sua posizione, non direttamente affacciata sul mare, Lecce ha puntato sempre di più sull’altezza, sviluppando pian piano un’offerta enogastronomica che ha trovato casa sulle terrazze della città, soggette oggi a un vero processo di recupero e rigenerazione. Qualcosa di simile è successo anche con l’inaugurazione nel 2022 dell’ascensore panoramico del campanile di Piazza del Duomo, che in 43 secondi mostra una vista unica sulla capitale del Salento, grazie all’iniziativa della cooperativa di promozione del territorio ArtWork. Per chi visita la città in un tour della Puglia, abbiamo selezionato una serie di indirizzi dove fermarsi a mangiare, bere, fare aperitivo, colazione, merenda.

Risotto in estate, 30 ricette

La Cucina Italiana

Vuoi per il calore che emana forchetta dopo forchetta, vuoi perché tendiamo sempre a esagerare con soffritti e condimenti, il risotto non è mai al primo posto nelle nostre ricette estive. Ma è un errore. Questo piatto semplice ci consente di giocare con gli ingredienti come se fosse una tela bianca su cui disegnare ed è ideale per esaltare i sapori delicati dell’estate.

Un soffritto leggero

La ricetta classica dei risotti prevede la preparazione di un soffritto di cipolla. Ma se volete rendere più digeribile il piatto e alleggerire il primo passaggio, ci sono diverse alternative. La prima è quella di sostituire lo scalogno o il cipollotto alla cipolla. Altrimenti potrete usare anche il porro tagliato molto sottilmente e fatto cuocere lentamente quasi fino a sciogliersi grazie all’aiuto di un mestolo di brodo. Se invece volete preparare un risotto che poi servirete appena tiepido e assicurarvi di non trovare pezzi di cipolla freddi nel piatto, procedete in maniera simile a come si fa con l’aglio. Dunque fate scaldare l’olio extravergine d’oliva in padella e aggiungete abbondante cipolla affettata. Rimestate con cura facendo attenzione a non bruciarla e rimuovetela una volta rosolata. L’olio avrà assorbito il suo aroma e sarà pronto a sprigionarlo nel piatto.

Il riso

Se il carnaroli classico è uno dei tipi di riso più indicati per la preparazione di un risotto tradizionale, in estate possiamo optare per qualcosa di diverso. Come un riso venere, rosso e integrale, meno indicati per la mantecatura, ma capaci di donare freschezza al nostro risotto estivo.

La mantecatura

Mantecare il riso è il passaggio preferito dei più golosi. Dopo questo passaggio infatti il risotto è più cremoso, goloso e ricco. Ma burro e formaggio aggiungono calorie e un po’ di pesantezza alla preparazione e possiamo pensare a una alternativa leggerissima per l’estate. Per ottenere una mantecatura davvero light provate con un cucchiaio di ricotta. Se ricercate un risultato più tradizionale invece optate per una scelta radicale: o il burro o il formaggio grattugiato. Risultato fresco assicurato!

I nostri 30 risotti da preparare in estate

Proudly powered by WordPress